FAQ - Domande e risposte sul Trofeo RiLL

Questa pagina di FAQ è aggiornata al 20 dicembre 2016.
Tutte le risposte e le indicazioni fornite sono valide per il XXIII Trofeo RiLL.

IMPORTANTE: Col lancio del nuovo sito di RiLL (12 aprile 2017), abbiamo creato anche Trofeo.rill.it, il sito dedicato esclusivamente ai partecipanti dei concorsi organizzati da RiLL. Su Trofeo.rill.it è possibile registrarsi come partecipante, e quindi: caricare le proprie opere, pagare (via Paypal/ carta di credito/ Postepay) la quota di iscrizione, inviare la richiesta di iscrizione all'associazione RiLL.
La pagina di FAQ non è stata aggiornata per tenere conto di tale innovazione, perchè la sostanza delle risposte su tali temi NON cambia (in pratica, quello che prima si faceva su RiLL.it nelle tre pagine Registrazione concorso, Iscrizione e Carica il tuo racconto ora si fa su Trofeo.rill.it, e in modo migliore). I link alle tre suddette pagine presenti nelle FAQ continuano comunque a funzionare (da lì potrete linkare ulteriormente e arrivare su Trofeo.rill.it).


Dal 2002 curiamo questa pagina, concepita e realizzata per venire incontro al massimo grado a chi desidera partecipare al Trofeo RiLL ma vuole più notizie e specificazioni di quanto non sia già indicato nel bando.

Ormai le domande cui rispondiamo sono quasi ottanta: un campionario molto vasto, tale da rendere necessaria una breve "guida" iniziale.

Le domande sono divise per categorie omogenee, ed anche numerate. Inoltre, ne proponiamo l'indice prima di passare alla lista vera e propria.

Speriamo così di rendere non solo il Trofeo RiLL più "trasparente" e "vicino" possibile a tutti (chiarendo legittimi dubbi o incertezze), ma anche di aumentare la fruibilità di questa pagina, che riteniamo uno strumento molto importante, con cui raggiungere una qualità organizzativa sempre migliore.

Prima di entrare in medias res, è doveroso per noi ringraziare le persone (partecipanti e non) che ci hanno fornito spunti di riflessione per ottimizzare questa pagina o che ci hanno fatto nuove domande. Inoltre, visto che sicuramente ci saranno ancora lacune o temi non trattati, vi invitiamo a segnalarceli, scrivendoci: nonostante tutto, non si è MAI abbastanza chiari e completi!

Un'ultima cosa: per il 2017 non sono state fatte sostanziali modifiche, quindi chi avesse "studiato" le FAQ nel 2016 può star tranquillo, ed evitare di farlo nuovamente.

Il cambiamento più significativo apportato a questa pagina per il 2017 riflette l'unica innovazione regolamentare del XXIII Trofeo RiLL: da questa edizione, i partecipanti residenti all'estero possono inviare racconti nel solo formato elettronico (evitando cioè la spedizione cartacea). Per tutti i dettagli vi rimandiamo al bando (punto 8) e alla Domanda 36.
Inoltre, è stata aggiunta una domanda (numero 73), riguardante la possibilità di usare pseudonimi per gli autori pubblicati sulle antologie Mondi Incantati.

Fra le tante domande presenti in questa pagina, vi invitiamo a rileggere:
- le Domande 6 e 13, che chiariscono che, per partecipare al Trofeo RiLL, è necessario essere soci dell’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare (per questo, la quota di partecipazione al concorso consiste nella quota di iscrizione all’associazione). Di conseguenza, nella Domanda 13, le spese associative finanziate con tali introiti sono esemplificate in modo dettagliato (e viene fatto esplicito riferimento allo Statuto, e alle forme di uso del patrimonio sociale ammesse ed escluse);
- la Domanda 30 (spedizione dei racconti con raccomandata);
- la Domanda 34 (contenuto della busta chiusa con le generalità degli autori);
- la Domanda 35 (invio dei racconti in formato elettronico);
- la Domanda 37 (modalità di partecipazione al Trofeo RiLL per gli autori minorenni);
- la Domanda 39 (limiti alla partecipazione al Trofeo RiLL per gli autori più spesso premiati nei nostri concorsi);
- le Domande 54-55 (definizione di “racconto inedito”, che può partecipare al Trofeo RiLL);
- le Domande 68-71 (dedicate alle antologie della collana Mondi Incantati e alle pubblicazioni, in Italia e all'estero, dei racconti premiati).

La risposta a queste domande non è sostanzialmente cambiata rispetto al 2016, ma si tratta di argomenti importanti (per il partecipante e per il nostro lavoro organizzativo), nonchè delle domande che più spesso ci vengono poste, quindi li evidenziamo alla vostra attenzione.


DOMANDE FONDAMENTALI
1) Cosa è il Trofeo RiLL? Cosa mette in palio?
2) Perché la scelta di non creare delle sottosezioni per generi?
3) Ma la scelta della sezione unica non ha svantaggiato alcuni generi?
4) Chi avesse un romanzo o altri lavori più lunghi nel cassetto, quindi, non trova nel Trofeo RiLL uno sbocco adatto?
5) E i miei diritti d’autore?
6) Devo pagare qualcosa, oltre alla quota di iscrizione?

LETTERATURA FANTASTICA… OVVERO?
7) Cosa intendete per “Letteratura Fantastica”?
8) Nella vostra definizione di “Letteratura Fantastica” inserite anche quella per l’infanzia? In altri termini, le favole possono partecipare al Trofeo RiLL?
9) E i gialli?
10) Al Trofeo RiLL possono partecipare racconti erotici?
11) L'ambientazione può essere italiana?
12) Sui racconti deve essere specificato il genere di appartenenza (fantasy, fantascienza, horror...)?

LA QUOTA DI ISCRIZIONE
13) Come vengono utilizzati i miei soldi?
14) La quota di iscrizione deve essere necessariamente versata negli uffici postali, con un bollettino di conto corrente?
15) Volendo pagare con un bonifico, a quale conto bancario si deve fare riferimento?
16) E i pagamenti on line (con carta di credito, Postepay, Paypal)?
17) Partecipando con più racconti sono necessari più versamenti sul conto postale/ Paypal di RiLL?
18) La fotocopia della ricevuta di versamento… è necessario inviarla insieme al racconto con cui partecipo?
19) Volendo spedire la ricevuta attestante l'avvenuto pagamento, dove si deve inserirla?
20) Cosa succede se risulta che un Autore non abbia pagato la quota di iscrizione?
21) La quota di iscrizione può essere inserita nella busta chiusa contenente le generalità dell'Autore?
22) Il pagamento della quota di iscrizione deve essere necessariamente contestuale all'invio del materiale?
23) Se un Autore paga la quota di iscrizione prima di inviare il suo racconto, ma poi non lo spedisce, cosa succede?
24) Nel caso di un racconto scritto da più autori, quante volte deve essere pagata la quota di iscrizione?

LA SPEDIZIONE DEL MATERIALE
25) Per la spedizione dei racconti è necessario spedire ciascun racconto in una busta diversa?
26) I racconti inviati devono essere stampati in un preciso formato? È possibile piegarli, nella busta?
27) Perchè la busta anonima, i racconti in forma anonima e la busta chiusa con le generalità?
28) Ma la busta anonima non comporta il rischio che il racconto si perda?
29) Ma se il mio racconto si perde… che succede?
30) Posso spedire il materiale con raccomandate o pacchi?
31) La spedizione del materiale deve essere necessariamente contestuale al pagamento della quota di iscrizione?
32) Il materiale può essere consegnato a mano all’indirizzo indicato nel bando?
33) I racconti devono pervenire strettamente entro la data di scadenza del concorso?
34) Come deve essere fatta la busta chiusa contenente le generalità? Cosa deve contenere, esattamente?
35) È possibile inviare i racconti in formato elettronico?
36) Autori residenti all'estero e invio dei racconti: quali novità dalla 23esima edizione?

LA PARTECIPAZIONE: QUESTIONI GENERALI E DETTAGLI SUI RACCONTI
37) Sono previsti particolari limiti d’età per partecipare?
38) Il Trofeo RiLL è un concorso per racconti in lingua Italiana. Ma la partecipazione è aperta anche a stranieri, o a italiani residenti all’estero?
39) Dal XXII Trofeo RiLL non possono più partecipare al concorso gli autori cui RiLL ha dedicato un’antologia personale (collana Memorie dal Futuro, ed. Wild Boar). Perché?
40) Esiste un limite al numero dei racconti con cui un Autore può partecipare?
41) I racconti devono essere per forza di un solo autore?
42) È possibile per un Autore partecipare con più racconti, in alcuni casi scritti a più mani, in altri da solo?
43) Nel definire la lunghezza massima dei racconti (21600 caratteri, spazi inclusi) si parla anche di “cartelle”. Cosa sono?
44) Come faccio a sapere se il mio racconto è troppo lungo per partecipare al Trofeo RiLL, o invece è in regola con la lunghezza richiesta?
45) Come devo impaginare il mio racconto?
46) È necessario indicare nel racconto il numero esatto di caratteri (spazi inclusi)?
47) E se arriva un racconto troppo lungo?
48) Nel calcolare la lunghezza dei racconti, come devono essere considerati i puntini di sospensione? E poi: come vanno conteggiati i caratteri usati per il titolo e quelli usati per numerare i capitoli (se presenti) del racconto?
49) I partecipanti al Trofeo RiLL sono invitati a compilare on line un modulo di registrazione. Perché?
50) La registrazione on line è strettamente necessaria per partecipare? Come funziona?
51) Ma la registrazione on line non è in contrasto con l’anonimato dei lavori?

RACCONTI: ORIGINALI E INEDITI… OVVERO?
52) Cosa si intende nel Regolamento per “racconto originale”?
53) Possono partecipare racconti che appartengono ad ambientazioni già esistenti e ben note o che si ispirino a opere di autori conosciuti?
54) Cosa si intende nel Regolamento per “racconto inedito”?
55) E se la pubblicazione o diffusione del racconto è avvenuta in lingua non Italiana o comunque all'estero?
56) Inediticità e altri concorsi letterari: è possibile partecipare al Trofeo RiLL con uno (o più)
57) Inediticità e altri concorsi letterari (2): è possibile partecipare al Trofeo RiLL con uno (o più) racconti con cui si è già partecipato ad uno (o più) altri premi (ormai conclusi)?
58) Perchè non viene richiesta a ogni Autore una dichiarazione di inediticità del materiale che ha inviato?

L’ORGANIZZAZIONE DEL TROFEO: SELEZIONE, PARAMETRI, TEMPI…
59) In quale modo viene fatta la selezione e quindi scelta la rosa dei finalisti?
60) Quali sono i parametri usati per valutare i racconti?
61) RiLL stila e rende disponibile una scheda di commenti e osservazioni su ogni racconto pervenuto?
62) Qual è il numero dei finalisti?
63) Una volta arrivato in finale, posso raccontarlo in giro?
64) Tutti i finalisti vengono premiati e pubblicati?
65) Sono previsti Premi Speciali per particolari categorie di Autori (ad esempio, sotto i 18 anni)?
66) In quale periodo RiLL contatta gli Autori per comunicare cosa è stato dei loro racconti?
67) Tutti i racconti che partecipano ma non arrivano in finale che fine fanno?

INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE DEI RACCONTI PREMIATI
68) I migliori racconti di ogni edizione del Trofeo RiLL vengono pubblicati nell'annuale antologia Mondi Incantati. Di cosa si tratta?
69) Cosa propone ogni uscita della collana Mondi Incantati?
70) Il Trofeo RiLL offre ad alcuni racconti anche la possibilità di essere pubblicati all'estero. Dove e con quali costi per gli Autori?
71) Il Trofeo RiLL offre ad alcuni racconti anche la possibilità di essere ospitati su riviste italiane. Quali?
72) Una volta che il mio racconto è stato pubblicato su un'antologia Mondi Incantati posso disporne liberamente?
73) Posso utilizzare uno pseudonimo in caso di pubblicazione di un mio racconto su Mondi Incantati?

ALTRO
74) Perché nell’albo d’oro del Trofeo RiLL alcuni nomi si ripetono?
75) Chi sono i membri della Giuria Nazionale?
76) Cosa era il voto popolare?
77) Cosa è SFIDA?
78) Ogni partecipante al Trofeo RiLL riceve in omaggio una copia della più recente antologia legata al concorso. Ma quali sono i tempi di spedizione di questo materiale?


DOMANDE FONDAMENTALI

1) Cosa è il Trofeo RiLL? Cosa mette in palio?

È un concorso letterario, nato nel 1994 nell'ambito del mondo ludico (giochi di ruolo), con l'intento di sostenere i tanti scrittori amanti del Fantastico che ci sono in Italia (o meglio: che scrivono Fantastico in lingua Italiana).
Nel tempo il premio si è inserito pienamente nel mondo letterario (ottenendo l'ingresso in Giuria di molti scrittori) ma, comunque, non si è mai rivolto ai "soli" giocatori (di ruolo e non), bensì a tutti gli autori esordienti appassionati di Fantastico.

Il concorso è riservato a racconti brevi di genere fantastico, nel senso più ampio del termine.
Possono partecipare al Trofeo RiLL racconti fantasy, horror, fantascientifici e, in generale, ogni storia che sia, per trama o personaggi, “al di là del reale”.
Tutti i racconti partecipanti concorrono in un'unica sezione, e vengono confrontati fra loro “solo” sulla base della qualità (scrittura, originalità della storia…).

I migliori racconti di ogni edizione sono pubblicati, senza alcun contributo/ costo per gli autori, nelle annuali antologie del Trofeo RiLL (collana Mondi Incantati, ed. Wild Boar).
Inoltre, il racconto primo classificato viene tradotto e pubblicato in Irlanda (sulla rivista Albedo One) e in Spagna (su Visiones, l'antologia annuale dell'AEFCFT - Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror). L’autore del racconto vincitore riceve anche un premio di 250 euro.
(per il dettaglio dei premi in palio, rimandiamo al bando di concorso; per ulteriori informazioni sulla collana Mondi Incantati e sulle riviste/ antologie, italiane ed estere, che pubblicano i racconti del Trofeo RiLL rimandiamo alle Domande 68-71)

2) Perché la scelta di non creare delle sottosezioni per generi?

Noi pensiamo che il racconto, in particolare quello breve, sia prima di tutto una “struttura narrativa”, con proprie regole e specificità. E ciò vale qualunque sia il genere del racconto considerato: prima ancora della storia e dell’ambientazione, conta la capacità di sfruttare al meglio le potenzialità della “forma” racconto, riuscendo a narrare (se vogliamo: emozionare) in poco spazio.
Per questo, a nostro avviso, è legittimo confrontare - ad esempio - un racconto fantasy e uno horror… tanto più che i buoni racconti tendono ad avere, al di là dei generi, elementi in comune.

In conclusione: il Trofeo RiLL è prima di tutto un concorso per racconti, che punta a premiare lavori di qualità, anche se magari di generi diversi.

3) Ma questa scelta della sezione unica non ha svantaggiato alcuni generi?

Noi pensiamo di no. Se comunque fosse avvenuto, non è per nostra volontà o pregiudizio: noi riceviamo i racconti, li leggiamo, li valutiamo e, infine, li inviamo alla Giuria Nazionale, che sceglie i vincitori.
In tutto questo processo, siamo condizionati da alcuni fattori: le nostre opinioni e i nostri gusti (e naturalmente rivendichiamo questa libertà, per noi e per i membri della Giuria Nazionale), in primo luogo, e poi dal materiale che ci arriva. Se riceviamo solo racconti fantasy, non potremo certo premiare storie horror o di fantascienza!
Inoltre, gli stessi Autori partecipanti tendono a prediligere dei generi o dei temi più di altri, e anche questo conta.

Comunque sia, noi cerchiamo di ignorare i fattori quantitativi (quanti racconti fantasy, quanti di fantascienza ecc.), e di considerare solo quelli qualitativi… per premiare, prima di tutto, racconti belli.
E, guardando a tutte le storie premiate sino ad oggi, pensiamo di avere davvero scorrazzato in lungo e largo fra i mille generi della Letteratura Fantastica.

4) Chi avesse un romanzo o altri lavori più lunghi nel cassetto, quindi, non trova nel Trofeo RiLL uno sbocco adatto?

In buona sostanza, no: la nostra attività in ambito letterario è interamente concentrata sui racconti brevi (nel senso stabilito dal Regolamento, punto 9).
A onor del vero, va detto che talvolta Autori di lavori più lunghi di un racconto (es. un romanzo) ci hanno inviato estratti (un episodio, il prologo, un capitolo...) o “sunti” delle loro opere, che hanno riscosso il nostro gradimento, finendo in finale o addirittura venendo premiati.
La scelta di partecipare a queste condizioni spetta a ciascun Autore… ma ovviamente, in questi casi, è necessario che il romanzo/ "lavoro lungo" in questione sia anch'esso inedito (nel senso stabilito dalle Domande 54 e 55).

5) E i miei diritti d’autore?

Chi partecipa al Trofeo RiLL resta sempre proprietario dei propri racconti.
Quindi può diffonderli e farli pubblicare, con l’eccezione del periodo che va dal momento in cui ce li invia a quello in cui noi rendiamo pubblica la rosa dei finalisti (estate di ogni anno, attraverso il sito o la newsletter RiLLinfo; inoltre, ogni anno, entro fine ottobre, inviamo a ciascun partecipante una comunicazione personale sui risultati del Trofeo, via lettera o e-mail; la missiva contiene anche un invito alla cerimonia di proclamazione dei vincitori; per ulteriori dettagli, vedi Domanda 66).

Quanto ai racconti finalisti, premiati e/o pubblicati a cura di RiLL, il Regolamento (punto 12) prevede che "la pubblicazione dei racconti selezionati nell’antologia del concorso (collana Mondi Incantati) e sulle riviste/ antologie che collaborano al Trofeo RiLL è comunque per tutti gli autori obbligatoria (non rinunciabile) e non retribuita, oltre che ovviamente gratuita."
È importante sottolineare che questo vincolo riguarda esclusivamente le pubblicazioni legate al Trofeo RiLL: gli Autori restano sempre proprietari dei loro lavori ma, partecipando al concorso, accettano di essere pubblicati nei "canali" ad esso collegati.
(per ulteriori informazioni sulla collana Mondi Incantati e sulle riviste/ antologie, italiane ed estere, che pubblicano i racconti del Trofeo RiLL rimandiamo alle Domande 68-71)

6) Devo pagare qualcosa, oltre alla quota di iscrizione?

No.
Il punto 12 del Regolamento dice chiaramente che "la pubblicazione dei racconti selezionati nell’antologia del concorso (collana Mondi Incantati) e sulle riviste/ antologie che collaborano al Trofeo RiLL è comunque per tutti gli autori obbligatoria (non rinunciabile) e non retribuita, oltre che ovviamente gratuita."

Per partecipare al Trofeo RiLL è necessario essere soci dell'associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare. La quota di iscrizione è di 10 euro (socio ordinario, che può partecipare al concorso spedendo un racconto). Nel caso di invio di più testi, la quota è di 10 euro a racconto (socio sostenitore).
Questo è l'unico contributo che chiediamo ai partecipanti e, fra questi, agli autori che poi pubblichiamo.
(per conoscere più nel dettaglio il modo in cui le quote di iscrizione sono spese rimandiamo alla Domanda 13)

Da sempre (cioè sin dalla prima edizione del Trofeo RiLL), pubblichiamo i racconti migliori di ogni annata nelle antologie della collana Mondi Incantati (oggi edita da Wild Boar). Agli Autori pubblicati non è mai stato richiesto alcun contributo, nè sono stati tenuti ad acquistare alcuno stock di copie. Ogni Autore riceve, anzi, due copie omaggio del libro in cui è presente un suo racconto.
È gratuita anche la pubblicazione sulle riviste/ antologie, italiane ed estere, citate nel bando di concorso.
(per ulteriori informazioni sulla collana Mondi Incantati e sulle riviste/ antologie, italiane ed estere, che pubblicano i racconti del Trofeo RiLL rimandiamo alle Domande 68-71)


LETTERATURA FANTASTICA… OVVERO?

7) Cosa intendete per “Letteratura Fantastica”?

Rispondere a questa domanda è molto difficile… perché la creatività degli Autori e la varietà dei soggetti è molto ampia (nè a noi piace limitarla).

In generale, per noi, la discriminante è la presenza nel racconto di significativi elementi che siano “al di là del reale”.
In prima semplicissima approssimazione, questo significa riferirsi a generi come il fantasy (elfi, draghi, magia...), la fantascienza (astronavi, robot, alieni, corporazioni, netrunner...), l’horror (paura e suspence, zombi e non-morti...), e quindi a scrittori come Tolkien, Moorcock, Howard, Asimov, Sanderson, Poe, Lovecraft, King, Gaiman, Gibson, Dick, Martin, Sapkowski… tanto per citare solo i primi che ci vengono in mente (la lista, ovviamente, potrebbe essere più lunga di tutta questa pagina, e continua ad allungarsi di anno in anno!).

Ma non solo… ci sono Autori che hanno scritto indubbiamente opere di letteratura fantastica che non appartengono però a questi generi (pensiamo a Borges, Buzzati e Calvino).

Un racconto che voglia partecipare al Trofeo RiLL può essere anche di ambientazione storica o contemporanea… quel che conta è che sia comunque “fantastico”: nelle atmosfere, nell’assunto di partenza, nello sviluppo narrativo (ad esempio, un racconto che avesse come protagonista la presidentessa degli USA non sarebbe fantastico, nonostante nessuna donna sia mai stata presidente degli Stati Uniti, ad oggi, perchè questo evento potrebbe comunque avvenire, nel futuro della “nostra” realtà; diverso invece il caso di una presidentessa degli USA che fosse un’aliena…).

Infine, è da sottolineare che parlare di Fantastico riporta (per noi) anche all’onirico, al visionario, o alla centralità, nel racconto, del tema della pazzia, capace di dare luogo a vere e proprie dimensioni parallele, o di straniare il lettore evocando e “investigando” i meandri distorti della mente.

Comunque sia, al di là delle definizioni o spiegazioni che possiamo dare (nessuna delle quali potrà mai essere pienamente esaustiva), il modo migliore per capire cosa noi intendiamo con “Letteratura Fantastica” è leggere i racconti premiati delle varie edizioni del nostro premio, su questo sito o sulle raccolte della collana Mondi Incantati.

8) Nella vostra definizione di “Letteratura Fantastica” inserite anche quella per l’infanzia? In altri termini, le favole possono partecipare al Trofeo RiLL?

Il confine tra letteratura per l’infanzia e letteratura per adulti è labile, quindi un racconto con tono favolistico o fiabesco può partecipare (e magari vincere) il Trofeo RiLL: ad esempio, "Il Piccolo Principe" di Saint-Exupery andrebbe benissimo (ovviamente, "Il Piccolo Principe" è un romanzo e non un racconto, ma... crediamo sia l'esempio perfetto per quel che intendiamo).
Sempre su questo tema, vi invitiamo a leggere i racconti In un regno senza capo (vincitore del V Trofeo RiLL) e Il principe e Cenerentola (quarto quello stesso anno).

Preferiamo invece escludere dal concorso testi evidentemente destinati un pubblico di bambini piccoli, con un linguaggio molto semplice o la prevalenza di intento didattico.

9) E i gialli?

La Letteratura del Mistero (mystery) è indubbiamente una forma di fiction, di letteratura di fantasia. Non sempre però si tratta di letteratura fantastica… spesso e volentieri i gialli hanno un’ambientazione storica (pensate ad Agatha Christie e all’Inghilterra degli anni ’20 e ’30), o fanno proprio dell’aggancio con la realtà il loro elemento caratterizzante (questo vale per la hard-boiled school di Chandler e Hammett, ad esempio). Anche il modo in cui le trame sono sviluppate lascia in questi casi ben poco (anzi, nessuno) spazio per il Fantastico.

Ciò non significa che i gialli non possano assolutamente partecipare al Trofeo RiLL: sta solo agli Autori inserirvi uno o più significativi elementi fantastici (dopotutto, Poirot potrebbe anche essere un alieno e l’Orient Express un’astronave che attraversa la galassia!)

10) Al Trofeo RiLL possono partecipare racconti erotici?

Sì.
In generale, la presenza (o meno) di erotismo nei racconti rientra fra le questioni che lasciamo decidere a ogni autore. Ogni anno, tradizionalmente, un certo numero di racconti venati di eros ci arriva, ed alcuni sono anche finiti in finale.
È bene sottolineare, però, che il Trofeo RiLL è un concorso per racconti fantastici, non erotici. Quindi l'erotismo può esserci, ma questo non può andare a scapito del Fantastico... altrimenti si va fuori tema!

11) L'ambientazione può essere italiana?

Assolutamente sì.
I racconti possono essere ambientati in Italia, come in qualunque altro luogo reale (o immaginario). La scelta del luogo in cui far svolgere le storie è interamente lasciata agli Autori.

Per rispondere ancora più specificamente alla domanda: abbiamo già premiato e pubblicato, e più volte, racconti ambientati nel nostro paese, in alcuni casi legati al folclore locale o alle tradizioni popolari (di questo parliamo in un'intervista con Luigi Musolino, pluri-vincitore del Trofeo RiLL proprio con storie di questo tipo).

Restando sul tema del folclore e dei miti popolari, segnaliamo che nel 2014 e nel 2015 RiLL ha curato le due antologie Oscure Regioni, dedicate ai racconti dell'orrore di Luigi Musolino, tutti ispirati a leggende delle regioni italiane (venti regioni, venti racconti, divisi in due volumi da dieci racconti l'uno; per ogni regione, un mito popolare, e un racconto dell'orrore che lo reinterpreta in chiave contemporanea).
Questo non c'entra direttamente col Trofeo RiLL, ma... è bene ricordarlo!

12) Sui racconti deve essere specificato il genere di appartenenza (fantasy, fantascienza, horror...)?

No. Non c'è bisogno di questa indicazione.
Inoltre, i racconti vengono giudicati al di là dello specifico genere cui appartengono... fermo restando che devono essere fantastici!

 

LA QUOTA DI ISCRIZIONE

13) Come vengono utilizzati i miei soldi?

Per partecipare al Trofeo RiLL è necessario essere soci dell’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare. La quota di iscrizione è di 10 euro a racconto, ed è un contributo alle spese per lo svolgimento del Trofeo RiLL e all'attività associativa di RiLL.

Alcuni esempi di spesa legati al Trofeo RiLL:
stampa e diffusione del bando di concorso (500-1000 copie), spedizioni del bando ad interessati, lettere ai partecipanti per comunicare i risultati del concorso, spedizioni della rosa dei finalisti ai membri della Giuria Nazionale, acquisto di buste per le spedizioni, acquisto delle targhe premio, spese di fotocopiatura e diffusione dei racconti all’interno del Comitato di Lettura (voi ci spedite 3 copie, ma i lettori-selezionatori sono una ventina, sparsi in più città!), premio di 250 euro all'Autore del racconto vincitore...
Va detto, per la precisione, che per alcune di queste voci abbiamo ottenuto in anni recenti significativi risparmi, legati alla diffusione di Internet e quindi alla possibilità di usare "strumenti telematici".

Inoltre, ogni partecipante al Trofeo RiLL riceve in omaggio una copia della più recente antologia legata al concorso (per la ventitreesima edizione si tratta di TUTTO INIZIA DA O e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni, ed. Wild Boar), il cui prezzo di copertina (euro 10) è uguale alla quota di iscrizione.
La spedizione del volume è a cura (e a spese) di RiLL.
(per ulteriori dettagli sulla spedizione della copia omaggio vedi Domanda 78)

Ad ogni modo, tutte le quote di iscrizione ricevute da RiLL sono da sempre usate esclusivamente per gli scopi e le iniziative associative (cui viene sempre data puntuale visibilità su questo sito).
Come recita il nostro Statuto (articolo 17): "Il patrimonio dell’associazione è devoluto permanentemente agli scopi sociali. Pertanto, durante la vita dell’associazione, non saranno distribuiti, anche in via indiretta, utili o avanzi di gestione, fondi, riserve o capitale, salvo che tale destinazione e distribuzione non sia imposta dalla Legge. Eventuali utili o avanzi di gestione saranno reimpiegati nelle attività associative. Tutti gli incarichi sociali e direttivi, inoltre, si intendono a titolo gratuito."
Alcuni esempi di spese non legate direttamente al Trofeo RiLL sono quelle connesse alla realizzazione delle antologie del concorso (collana Mondi Incantati) e delle antologie personali (collana Memorie dal Futuro), e le spese per le presentazioni di tali libri (che periodicamente organizziamo). Inoltre, dal 2013, con il progetto RiLL Europe/ RiLL World Tour (vedi Domande 69 e 70), RiLL sostiene le spese di traduzione (dall'italiano e in italiano) di 4-5 racconti all'anno.

14) La quota di iscrizione deve essere necessariamente versata negli uffici postali, con un bollettino di conto corrente?

No.
Potete, ad esempio, farci un bonifico bancario, dalla vostra filiale o tramite Internet. Inoltre, si può effettuare il pagamento anche con carta di credito, Postepay o tramite conto Paypal.

Qualora il pagamento sia effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. con una carta di credito o da un conto intestato a un'altra persona, come un parente o un amico), è particolarmente gradito che l'Autore partecipante ci segnali la cosa, scrivendoci, una volta effettuato il pagamento.

Per inciso, pagare la quota di iscrizione con metodi diversi dal bollettino di conto corrente permette di risparmiare, in termini di commissioni sull'operazione effettuata... quindi lo consigliamo a tutti!

15) Volendo pagare con un bonifico, a quale conto bancario si deve fare riferimento?

I conti correnti postali sono a tutti gli effetti conti bancari.
Per fare un bonifico sul nostro conto corrente postale basta fare riferimento al codice IBAN che lo individua:
IT-72-U-07601-03200-001022563397
(il conto è intestato all'associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare).
In caso di bonifico dall'estero, è necessario indicare anche il BIC number di Poste Italiane (che è BPPIITRRXXX).

Qualora il pagamento sia effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. da un conto intestato a un'altra persona, come un parente o un amico), è particolarmente gradito che l'autore partecipante ci segnali la cosa, scrivendoci, una volta effettuato il pagamento.

16) E i pagamenti on line (con carta di credito, Postepay, Paypal)?

È possibile effettuare il pagamento anche con carta di credito, Postepay o tramite conto Paypal: in tutti e tre tali casi la quota può essere versata direttamente da questo sito.
Per la conclusione della transazione usiamo Paypal, una piattaforma ampiamente utilizzata su internet, che assicura semplicità e sicurezza.

Qualora il pagamento sia effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. con una carta di credito o da un conto Paypal intestati a un'altra persona, come un parente o un amico), è particolarmente gradito che l'autore partecipante ci segnali la cosa, scrivendoci, una volta effettuato il versamento.

Il pagamento on line è utilizzato da più di un terzo degli autori partecipanti, e riduce significativamente tempi e costi di iscrizione (questo vale in particolare per i residenti all'estero, che evitano di pagare elevate commissioni sul loro versamento).

17) Partecipando con più racconti sono necessari più versamenti sul conto postale/ Paypal di RiLL?

Assolutamente no.
Se si partecipa, ad esempio, con tre racconti, non c’è alcun bisogno di fare tre versamenti, ciascuno da 10 euro: basta farne uno solo da 30 euro (anzi, noi ve lo consigliamo, visto che per noi è uguale, mentre voi pagate una minore commissione a Poste Italiane/ Paypal).
Il versamento unico è più economico, più comodo e quindi per questo sempre preferibile!

Importante: Per facilitare chi sceglie di pagare con bollettino postale, è on line su questo sito il PDF di un bollettino postale pre-compilato, da stampare e utilizzare direttamente negli uffici postali (in esso vanno semplicemente inseriti i dati dell'autore e l'importo).

18) La fotocopia della ricevuta di versamento… è necessario inviarla insieme al racconto con cui partecipo?

Non strettamente.

In caso di versamento sul conto corrente postale, parte del vostro bollettino di pagamento ci viene inviato dalle Poste, ma talvolta (1 versamento ogni 100, circa), si perde. In questi casi, avere la fotocopia della ricevuta immediatamente disponibile è per noi comodo, ma non assolutamente necessario. Quel che conta davvero è che ogni Autore conservi la propria ricevuta, in modo che, in caso di problemi, la questione possa essere risolta in fretta (contattiamo il presunto “moroso”, questi ci invia copia del versamento e la faccenda è chiusa).

Stesso discorso in caso di pagamento della quota di iscrizione con bonifico bancario, carta di credito, PostePay o conto Paypal: non è necessario inviare la ricevuta di pagamento (o la sua fotocopia), quel che conta è che l'Autore conservi la propria ricevuta (o una sua stampa, anche PDF, nel caso di pagamenti via internet).

È particolarmente gradito, in caso il pagamento sia effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. con una carta di credito o da un conto intestati a un'altra persona, come un parente o un amico), che l'Autore partecipante ci segnali la cosa, scrivendoci, una volta effettuato il pagamento. Questo semplifica significativamente il nostro lavoro "amministrativo" legato al Trofeo RiLL.

19) Volendo spedire la ricevuta attestante l'avvenuto pagamento, dove si deve inserirla?

La fotocopia della ricevuta (consigliamo a tutti di tenere sempre per sè l'originale, per massima sicurezza) va inserita nella busta chiusa contenente i dati dell’Autore.
Affinché i racconti vengano giudicati nel pieno anonimato, infatti, le buste chiuse vengono aperte solo una volta che sono stati scelti i finalisti, ed in quel momento si procede a un controllo della regolarità della posizione di tutti i partecipanti.

Inoltre, è particolarmente gradito, in caso il pagamento sia effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. con una carta di credito o da un conto intestati a un'altra persona, come un parente o un amico), che l'Autore partecipante ci segnali la cosa, scrivendoci, una volta effettuato il pagamento. Questo semplifica significativamente il nostro lavoro "amministrativo" legato al Trofeo RiLL.

20) Cosa succede se risulta che un Autore non abbia pagato la quota di iscrizione?

Prima di inviare i finalisti alla Giuria Nazionale viene fatto un controllo sulla regolare iscrizione di tutti gli Autori.
Qualora risulti che qualche quota non è stata versata, contattiamo gli Autori, invitandoli a regolarizzare la loro posizione o a esibire la ricevuta del già avvenuto pagamento (come detto nella Domanda 18, talvolta il problema si deve solo a Poste Italiane).

Quindi: un racconto viene squalificato solo se, dopo che abbiamo contattato l'Autore e abbiamo verificato la sua effettiva posizione rispetto al pagamento, la quota di iscrizione non viene versata.

Per semplificare il lavoro "amministrativo" legato al Trofeo RiLL (e al controllo dell'effettivo versamento delle quote di iscrizione) è particolarmente gradito, qualora il pagamento sia effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. con una carta di credito o da un conto intestato a un'altra persona, come un parente o un amico), che l'Autore partecipante ci segnali la cosa, scrivendoci, una volta effettuato il pagamento.

Importante: Per evitare eventuali errori di compilazione dei bollettini postali, è on line su questo sito il PDF di un bollettino postale pre-compilato, da stampare e utilizzare direttamente negli uffici postali (in esso vanno semplicemente inseriti i dati dell'autore e l'importo).

21) La quota di iscrizione può essere inserita nella busta chiusa contenente le generalità dell'Autore?

L'invio di mezzi di pagamento quali moneta o assegni non trasferibili è, a quanto ci risulta, vietato (sconsigliato) dalle stesse Poste Italiane, che non garantiscono (rimborsano) le somme così inviate. Perciò, anche noi invitiamo i nostri partecipanti a non seguire questa procedura.

Per inciso, su questo sito è on line il PDF di un bollettino postale pre-compilato, da stampare e utilizzare direttamente negli uffici postali (in esso vanno semplicemente inseriti i dati dell'autore e l'importo); questo anche per ridurre al minimo il tempo impiegato dal singolo autore per partecipare. Anche le forme di pagamento on line (vedi Domanda 16) sono state previste per fare risparmiare più tempo possibile ai partecipanti.

22) Il pagamento della quota di iscrizione deve essere necessariamente contestuale all'invio del materiale?

In linea di massima sì, è la procedura più gradita.
Visto però che non è strettamente necessario allegare ai racconti la ricevuta del versamento, si può anche decidere di versare la quota dopo (o prima) la spedizione del materiale.
Questo anche in considerazione del fatto che le scadenze del Trofeo RiLL possono coincidere con quelle di tasse o imposte, e che a nessuno piace affrontare lunghe file agli sportelli postali o bancari.

23) Se un Autore paga la quota di iscrizione prima di inviare il suo racconto, ma poi non lo spedisce, cosa succede?

In questo caso, una volta rilevata la cosa, RiLL contatterà l'Autore (usando come riferimento i dati presenti nel bollettino postale, se leggibili e/o l'indirizzo e-mail usato per pagare via Paypal e/o i dati inseriti del modulo di registrazione on line).
Di norma, la quota versata viene commutata in un ordine per copie delle nostre antologie (applicando un significativo sconto sul prezzo di copertina).

24) Nel caso di un racconto scritto da più autori, quante volte deve essere pagata la quota di iscrizione?

Per partecipare al Trofeo RiLL è necessario essere soci dell’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare. La quota di iscrizione è di 10 euro a racconto (vedi Domanda 13).
Quindi, occorre pagare la quota tante volte quanti sono i racconti che si inviano, indipendentemente dal numero di Autori che li hanno scritti. Ad esempio, nel caso di due racconti ciascuno scritto da tre autori, le quote da pagare sono due, non sei (per più dettagli sulla partecipazione di racconti scritti da più autori, vedi Domanda 41).

 

LA SPEDIZIONE DEL MATERIALE

25) Per la spedizione dei racconti è necessario spedire ciascun racconto in una busta diversa?

Assolutamente no.
Se si partecipa, ad esempio, con tre racconti, basta spedire una sola busta contenente tutto il materiale (anzi, noi ve lo consigliamo, visto che così risparmiate qualche euro in francobolli).

26) I racconti inviati devono essere stampati in un preciso formato/ modo? È possibile piegarli, nella busta?

Larga parte del materiale che riceviamo è in formato A4 (centimetri 21x29.7, cioè il classico formato "quadernone"), per noi particolarmente comodo da fotocopiare. Ad ogni modo, la scelta del formato della pagina è libera e lasciata alla discrezione degli Autori.
È inoltre possibile inviarci racconti su fogli piegati.
Ancora, è gradito che le copie inviate siano stampate in fronte-retro (per risparmiare carta e alberi!) e che le pagine siano numerate.
Ma, in generale, NON fatevi problemi: basta che il testo sia leggibile!

27) Perchè la busta anonima, i racconti in forma anonima e la busta chiusa con le generalità?

Perché il lavoro del Comitato di Lettura sia il più corretto e trasparente possibile: ogni lettore, così, giudica il racconto per quello che è e quel che gliene pare, non per il nome dell’Autore, che magari è una persona che conosce, o è il vincitore della precedente edizione, o magari uno scrittore famoso che partecipa per divertimento.
Per questo stesso motivo anche la Giuria Nazionale del Trofeo RiLL legge e valuta i racconti finalisti in forma anonima, senza conoscere i nomi dei rispettivi autori.

28) Ma la busta anonima non comporta il rischio che il racconto si perda?

Sì e no.
In effetti, se un plico non arriva a destinazione, le Poste provvedono a restituirlo al mittente. Ma, se la busta è anonima, non possono farlo.
La nostra esperienza ci dice però che in 22 anni si sono persi circa 20 racconti  (su un totale di circa 3500 racconti inviati)… ovvero una percentuale molto minore dell'1% (e in sostanza fisiologica, che il mittente sia presente sulla busta o no).

29) Ma se il mio racconto si perde… che succede?

Una premessa fondamentale: questa ipotesi è decisamente remota (circa 20 testi in 22 anni, su circa 3500 racconti spediti: una percentuale di “perdita” fisiologica, che il mittente sia indicato o no).

Detto questo, subito dopo la chiusura delle iscrizioni RiLL pubblica su questo sito l'elenco dei racconti ricevuti, per consentire a ogni partecipante di controllare personalmente l'avvenuto arrivo del proprio materiale. In caso di mancata consegna, l'Autore deve semplicemente scriverci, per segnalare il disguido e potere così partecipare all'edizione in corso.
La pubblicazione su RiLL.it dell'elenco dei racconti ricevuti viene reclamizzata su RiLLinfo, la nostra newsletter associativa, e su Registrati_TrofeoRiLL, la newsletter rivolta agli autori registratisi come partecipanti al concorso (vedi Domanda 49).

Ovviamente, per recuperare un racconto non consegnato da Poste Italiane è necessario che ci sia un contatto con l'Autore: in questo specifico caso, però, riteniamo che la tutela del "diritto a partecipare" prevalga sul principio dell'anonimato dei testi (il contatto con l'Autore riguarda comunque solo uno dei circa venti lettori-selezionatori del Trofeo RiLL).

30) Posso spedire il materiale con raccomandate o pacchi?

Sì.
Vogliamo comunque sottolineare che spedire plichi in posta prioritaria costa meno, è più veloce ed è ugualmente sicuro che spedirli come pacco o raccomandata... e per questo noi suggeriamo a tutti gli Autori di ricorrere a tale forma di spedizione!

Per inciso, Poste Italiane ha attivato i servizi on line di spedizione per Posta Prioritaria, Raccomandata e Pacco (in quest'ultimo caso, il materiale viene ritirato da Poste presso il domicilio del mittente). Rimandiamo al sito di Poste Italiane per tutti i dettagli.

Importante: il regolamento del Trofeo RiLL (punto 6) richiede che i racconti siano inviati in busta anonima (cioè senza mittente). Non è però possibile, dati i regolamenti attuali di Poste Italiane, fare raccomandate senza indicare il nome del mittente. Questo per noi NON è un problema: in caso di spedizione con raccomandata, i dati del mittente (che sono sull'esterno della busta spedita) vengono gestiti in modo da mantenere l'anonimato (cioè eliminandoli prima della distribuzione dei testi ai lettori-selezionatori).
Per questo l’invio per raccomandata è sempre possibile.

31) La spedizione del materiale deve essere necessariamente contestuale al pagamento della quota di iscrizione?

In linea di massima sì, è la procedura più gradita.
Visto però che non è strettamente necessario allegare ai racconti la ricevuta del versamento, si può anche decidere di spedire il proprio racconto prima (o dopo) aver pagato la quota di iscrizione.
Questo anche in considerazione del fatto che le scadenze del Trofeo RiLL possono coincidere con quelle di tasse o imposte, e che a nessuno piace affrontare lunghe file agli uffici postali per versare la quota.

Importante: per inviare lettere e plichi come Posta Prioritaria non serve andare all'ufficio postale, ma semplicemente basta acquistare i francobolli in tabaccheria, e poi imbucare il proprio plico
(in pratica, si deve solo pesare con precisione la busta da spedire e quindi individuare l'affrancatura necessaria, il che può essere fatto sia in molte tabaccherie sia dai singoli partecipanti, visto che le tariffe postali sono pubbliche).

Per inciso, Poste Italiane ha attivato i servizi on line di spedizione per Posta Prioritaria, Raccomandata e Pacco (in quest'ultimo caso, il materiale viene ritirato da Poste presso il domicilio del mittente). Rimandiamo al sito di Poste Italiane per tutti i dettagli.

32) Il materiale può essere consegnato a mano all’indirizzo indicato nel bando?

Assolutamente no.
Questo per rispettare la privacy di chi mette a disposizione la propria casa come centro di raccolta del materiale (peraltro, gli orari di apertura degli uffici postali sono noti a tutti, quindi si va sempre a colpo sicuro, mentre un’abitazione privata può essere vuota… visto che gli orari di chi ci vive non sono pubblici!).

33) I racconti devono pervenire strettamente entro la data di scadenza del concorso?

No, fa fede il timbro postale, che non deve essere successivo alla data di scadenza per l’invio del materiale.
Questo per venire incontro a tutti i partecipanti (che hanno così più tempo per scrivere le loro opere), e in particolare a chi vive in località più piccole, spesso meno “servite” da Poste Italiane.

Nel bando (punto 5), comunque, è indicato un termine massimo di tempo entro cui i racconti devono arrivarci (circa due settimane dopo la data di scadenza), anche se inviati e “timbrati” prima della scadenza. Tale termine è stato inserito per esigenze pratiche: se un racconto venisse recapitato ad agosto per qualche disguido postale, non sarebbe proprio possibile considerarlo iscritto all’edizione del concorso chiusasi in primavera!

34) Come deve essere fatta la busta chiusa contenente le generalità? Cosa deve contenere, esattamente?

Ogni partecipante al Trofeo RiLL deve allegare ai racconti una busta chiusa, contenente le proprie generalità. Questo perché i racconti vengono inviati in forma anonima, in modo che ciascun testo sia valutato nel modo più imparziale possibile (ignorando, in particolare, il nome dell’autore; vedi Domanda 27). Quindi, le informazioni contenute nella busta chiusa sono per noi necessarie per contattare gli autori, una volta terminata la fase di valutazione dei racconti.

All’esterno della busta chiusa va indicato in modo leggibile il titolo del racconto inviato (o dei racconti, se più di uno).
All’interno della busta chiusa, su un foglio, occorre indicare:
-    il titolo del racconto (o dei racconti) inviato;
-    le proprie generalità (nome, cognome, data e luogo di nascita, indirizzo, telefono, e-mail);
-    la richiesta di adesione all’associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare (perché per partecipare al Trofeo RiLL è necessario essere soci; vedi Domanda 13).

Per comodità di tutti i partecipanti, è on line su questo sito un modello pre-stampato in cui inserire tutte queste informazioni.

Altri dettagli:
- Il formato (grandezza) della busta chiusa è a vostra discrezione (ma non TROPPO piccola!, grazie).
- Le generalità all'interno della busta chiusa devono essere scritte in modo chiaro e leggibile; inoltre, indicate sempre il vostro numero di telefono (di casa e/o cellulare), che è senza dubbio il modo più diretto per contattare qualcuno.
- Se volete, potete inserire all'interno della busta chiusa anche la fotocopia del versamento, ma non è obbligatorio (vedi Domanda 18).
- È particolarmente gradito, infine, qualora il pagamento sia stato effettuato da una persona diversa dal partecipante (es. con una carta di credito o da un conto intestato a un’altra persona), che questa informazione sia indicata nella busta chiusa, in aggiunta alle generalità.

Se l’autore-partecipante è minorenne, vi invitiamo a leggere la Domanda 37 (perché in questo caso il contenuto della busta chiusa è lievemente diverso).
Se il racconto partecipante è opera di più autori, vi invitiamo a leggere la Domanda 41 (perché in questo caso il contenuto della busta chiusa è lievemente diverso).

35) È possibile inviare i racconti in formato elettronico?

Dal 2011 tutti i partecipanti sono invitati a spedire i propri racconti anche in formato elettronico (DOC, DOCX, ODF-ODT o RTF, non PDF).
I file si inviano direttamente dal sito di RiLL (pagina Carica il tuo racconto nella sezione Trofeo RiLL).
In caso di partecipazione con più racconti, è necessario caricare più file (un file per ciascun racconto), ognuno dei quali deve avere come nome il titolo del racconto (es. se il titolo del racconto è "Il drago", il file si chiamerà "Il drago.doc", se lavorate con Word).

L’anonimato dei lavori viene sempre garantito: le informazioni fornite per uploadare ciascun racconto finiscono infatti in due cartelle (database) differenti. Nel primo database sono salvati i dati anagrafici dell’autore e il titolo del racconto; nel secondo, invece, viene inserito il file del racconto.
Il primo database (quello che associa al titolo del racconto il nome dell’autore) è consultato solo dopo che il Comitato Promotore ha scelto i racconti finalisti, mantenendo così l’anonimato dei lavori nella fase di lettura e selezione.
Per questo motivo è molto importante che gli autori NON inseriscano i propri dati anagrafici all’interno dei file dei racconti che caricano dal sito di RiLL (e, ovviamente, nemmeno nel nome dei file caricati).

La possibilità di inviare il materiale in formato elettronico si affianca (non sostituisce!) la spedizione in forma cartacea dei racconti (3 copie, da inviare all'indirizzo presente sul bando, punto 6).
L'invio cartaceo resta il primario canale di spedizione dei racconti al Trofeo RiLL. Questo per motivi di praticità: l’immediata disponibilità “fisica” del testo consente un lavoro più a misura delle esigenze di molti lettori, e quindi anche più accurato.
I file dei racconti sono comunque molto utili, e per questo invitiamo caldamente chi partecipa a fornirceli, perchè anche questo contribuisce a migliorare e semplificare il nostro lavoro organizzativo. L'invio in formato elettronico resta comunque non obbligatorio (per essere ancor più chiari: nessuno sarà squalificato per non averci mandato il file del suo racconto).

36) Autori residenti all'estero e invio dei racconti: quali novità dalla 23esima edizione?

Dal XXIII Trofeo RiLL, i partecipanti residenti all'estero possono inviare i racconti nel solo formato elettronico (evitando cioè la spedizione cartacea).
Un'innovazione dettata da considerazioni pratiche: le spedizioni postali dall'estero per l'Italia possono essere molto costose, oltre che più facilmente soggette a disguidi o ritardata consegna. Per superare questi problemi, che abbiamo rilevato negli anni e che hanno da sempre limitato la partecipazione dall'estero, abbiamo deciso di semplificare l'invio del materiale per chi risiede all'estero e vuole partecipare al Trofeo RiLL.

I partecipanti residenti all'estero che decidono di non spedire i racconti in formato cartaceo DEVONO: (A) compilare con i propri dati anagrafici il modulo di registrazione on line su questo sito; (B) caricare da questo sito il file del racconto (o dei racconti) con cui partecipano; (C) oltre al file, caricare la propria richiesta di iscrizione all'associazione RiLL, firmata e comprensiva di dichiarazione di accettazione dello Statuto associativo.

 

LA PARTECIPAZIONE: QUESTIONI GENERALI E DETTAGLI SUI RACCONTI

37) Sono previsti particolari limiti d’età per partecipare?

No.
Il Trofeo RiLL è un premio aperto a chiunque scriva Letteratura Fantastica. Non fa differenza che gli Autori siano giovani o anziani, minorenni o maggiorenni (né, a maggior ragione, uomini o donne).
L'unica condizione che poniamo per la partecipazione è che l'autore partecipante diventi socio dell'associazione culturale RiLL Riflessi di Luce Lunare (per dettagli sulla quota associativa, vedi Domande 6 e 13).

IMPORTANTE:
Il nostro Statuto (articolo 4) richiede che i soci siano maggiorenni. Quindi, i minorenni che vogliano partecipare al Trofeo RiLL devono fare associare uno dei propri genitori (più correttamente: una persona maggiorenne che eserciti la patria potestà sull'autore minorenne), e poi inviare il proprio racconto. Si tratta di una mera necessità legale, non di una "barriera all'entrata" a scapito degli autori più giovani.
Di conseguenza, nella richiesta di iscrizione all'associazione RiLL andranno inseriti i dati del socio (maggiorenne); in altro foglio, invece, andranno indicati i dati (nome, cognome, indirizzo, telefono, e-mail) dell'autore partecipante (minorenne).

38) Il Trofeo RiLL è un concorso per racconti in lingua Italiana. Ma la partecipazione è aperta anche a stranieri, o a italiani residenti all’estero?

Assolutamente sì.
Il Trofeo RiLL è un premio aperto a chiunque scriva Letteratura Fantastica in lingua Italiana, e la nazionalità o la residenza degli Autori non ha alcuna importanza.
Quel che conta (per tutti) è che i racconti inviati siano belli!

Per inciso, il racconto quarto classificato al VIII Trofeo RiLL, Morte di un marinaio, come anche il racconto vincitore del XIII Trofeo RiLL, Codice Yetzirah, sono stati scritti proprio da italiani residenti all’estero, e questa è la migliore risposta alla domanda.

Importante: Dal XXIII Trofeo RiLL abbiamo semplificato la procedura di spedizione dei racconti per gli autori residenti all'estero (vedi Domanda 36): una scelta fatta proprio per facilitare la loro partecipazione!

39) Dal XXII Trofeo RiLL non possono più partecipare al concorso gli autori cui RiLL ha dedicato un’antologia personale (collana Memorie dal Futuro, ed. Wild Boar). Perché?

Memorie dal Futuro è una collana di antologie personali, che focalizzano l’attenzione dei lettori sui racconti di un solo autore, scelto fra quelli che più si sono distinti (cioè che più spesso sono stati premiati) nell’ambito del Trofeo RiLL e degli altri nostri concorsi.
Sono autori che riteniamo particolarmente bravi, e che a nostro avviso spiccano fra i molti partecipanti (tant’è vero che alcuni di loro hanno pubblicato romanzi e collaborato con diverse case editrici, in aggiunta agli ottimi risultati ottenuti nei nostri concorsi).

Dall’edizione 2015-2016 abbiamo deciso che questi autori (per la precisione: Emiliano Angelini, Francesco Troccoli, Massimiliano Malerba, Luigi Musolino, Antonella Mecenero) non potranno più partecipare al Trofeo RiLL.
Una decisione presa per continuare a perseguire quello che è da sempre l’obiettivo del Trofeo RiLL: trovare, edizione dopo edizione, nuovi autori, premiarli e pubblicare i loro racconti nelle annuali antologie Mondi Incantati (per maggiori dettagli sulla collana, vedi Domande 68 e 69).

(la nostra decisione di escludere dal Trofeo RiLL gli autori cui abbiamo dedicato un’antologia personale non intacca, ovviamente, la nostra amicizia e stima nei loro confronti, e anzi speriamo di collaborare con questi autori in nuove forme, in futuro).

40) Esiste un limite al numero dei racconti con cui un Autore può partecipare?

No.
Ogni Autore è libero di scegliere quello che per lui è il numero “giusto” di racconti con cui partecipare (1, 2, 10… e così via).
Non è comunque possibile partecipare al Trofeo RiLL con più versioni di uno stesso racconto.

Sottolineiamo, ovviamente, che, nel valutare i racconti, considerazioni di natura quantitativa non entrano mai in gioco (per questo, ad alcuni Autori è capitato di inviare più racconti e di non arrivare in finale con nessuno di essi, mentre ad altri è successo di ricevere più premi con più racconti nello stesso anno).

41) I racconti devono essere per forza di un solo autore?

Assolutamente no.
Il Trofeo RiLL è un premio aperto a chiunque scriva Letteratura Fantastica, e non fa differenza che il materiale inviato sia stato scritto da una o più persone.

Per inciso, il racconto terzo classificato dell’VIII Trofeo RiLL, Le strane cose del sabato, è stato scritto proprio a quattro mani, e questa è la migliore risposta alla domanda.
Anzi, ancora meglio: il racconto che ha VINTO nel 2007 il XIII Trofeo RiLL, Codice Yetzitah, è opera di due autori: Paola Urbani e Emanuele Viola (un duo che abbiamo poi premiato in altre edizioni, più recenti, del concorso... tanto da chiedere loro di parlarci, in un articolo, della loro proficua attività di scrittura a quattro mani).
Insomma, nessun problema!!

Importante: Per partecipare al Trofeo RiLL è necessario essere soci dell'associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare (vedi Domanda 13).
Nel caso di racconti scritti da più autori, nella busta chiusa allegata al racconto andrà inserita la richiesta di iscrizione all'associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, compilata da uno solo degli Autori; in altro foglio, invece, andranno indicati i dati (nome, cognome, indirizzo, telefono, e-mail) degli altri autori del materiale inviato, anche loro partecipanti al concorso.
Ugualmente, nel modulo di registrazione on line, andranno inseriti i dati di uno solo degli Autori (preferibilmente lo stesso che diventa socio dell'associazione), al quale RiLL invierà le informazioni sullo svolgimento del concorso (vedi Domanda 66) e la copia omaggio dell'antologia Mondi Incantati (vedi Domanda 78).
(per il pagamento della quota di iscrizione nel caso di racconti scritti da più autori, vedi Domanda 24)

42) È possibile per un Autore partecipare con più racconti, in alcuni casi scritti a più mani, in altri da solo?

Assolutamente sì.

43) Nel definire la lunghezza massima dei racconti (21.600 caratteri, spazi inclusi) si parla anche di “cartelle”. Cosa sono?

Una cartella è una facciata di foglio A4 (centimetri 21x29,7... come un quadernone, per capirci). La sua impaginazione standard è di 30 righe di 60 caratteri (spazi fra parole inclusi) l'una. Data questa impaginazione standard (30x60), i 21.600 caratteri spazi inclusi che indichiamo come lunghezza massima consentita per i racconti partecipanti sono "ri-esprimibili" come 12 cartelle (30x60x12= 21.600).

Guardare al numero di cartelle nell'era dei computer non ha comunque più molto senso: quel che conta è che ogni racconto inviato rispetti i limiti massimi di lunghezza (21.600 caratteri,  spazi fra parole inclusi), indipendentemente dal numero di cartelle (non a caso l'impaginazione è libera!, vedi Domanda 45).

44) Come faccio a sapere se il mio racconto è troppo lungo per partecipare al Trofeo RiLL, o invece è in regola con la lunghezza richiesta?

Se scrivete col computer (come probabile) il discorso varia da un programma di scrittura all’altro. In Microsoft Word occorre aprire la sezione Revisione del proprio file, cliccare su Conteggio Parole e guardare alla voce "Caratteri (spazi inclusi)" .

Comunque, approssimativamente, scrivendo in Times New Roman a 12, con margini di 3 cm (sopra e sotto) e 2 cm (destra e sinistra), senza Intestazione o Capi Pagina, 21.600 caratteri (spazi inclusi) occupano 6 facciate di fogli A4 (centimetri 21 x 29,7), più una quindicina di righe nella settima. Il calcolo, ovviamente, è fatto a occhio... ma si può dire con una certa sicurezza che un testo con questa impaginazione che sia di lunghezza non superiore alle 6 pagine rientra nei 21.600 caratteri massimi indicati dal Regolamento.

Se invece lavorate con la macchina da scrivere, dovete contare il numero di righe per pagina, il numero di caratteri (spazi fra parole inclusi) per riga e moltiplicarli fra loro (questi due valori si ripetono infatti uguali pagina dopo pagina). Il risultato così ottenuto va moltiplicato per il numero di pagine totali.

45) Come devo impaginare il mio racconto?

L'impaginazione dei racconti è libera. Sta a ciascun Autore decidere se il suo racconto avrà molte pagine con poche righe ciascuna, o poche pagine con tante righe.
Quel che conta è che il testo sia leggibile (questo vale anche per le fotocopie) e ovviamente nei limiti di lunghezza fissati (21.600 caratteri, spazi fra parole incluse).
Invitiamo tutti gli autori a inviarci i propri racconti stampati in fronte-retro (per risparmiare carta e alberi!) e a numerare le pagine.

46) È necessario indicare nel racconto il numero esatto di caratteri (spazi inclusi)?

Non è obbligatorio, tanto più se l'Autore ha inviato il file del proprio racconto dal sito di RiLL (vedi Domanda 35).
Comunque, per i racconti con lunghezza vicina a quella massima consentita, l'indicazione, sulla versione cartacea del racconto, del numero esatto di caratteri (spazi fra parole inclusi) è un'informazione gradita.
(meglio se inserita all'inizio del racconto, stampata o scritta a mano)

47) E se arriva un racconto troppo lungo?

Ovviamente, noi controlliamo che tutti i racconti che riceviamo rispettino i limiti di lunghezza fissati dal Regolamento.
Se, prima che sia iniziata la fase di lettura e selezione, ci accorgiamo che un racconto ha superato la lunghezza massima ammessa, contattiamo l'Autore, dandogli la possibilità di correggere il testo (cioè spedirci una nuova versione più corta) o di inviarci un altro racconto.
Per questo l'indicazione, sulla versione cartacea del racconto, del numero esatto di battute (spazi inclusi) è un'informazione che aiuta il nostro lavoro (vedi Domanda 46).

Ovviamente, per contattare l'autore di un racconto "fuori misura" è necessario aprire la busta chiusa con i suoi dati: in questo caso, però, riteniamo che la tutela del "diritto a partecipare" prevalga sul principio dell'anonimato dei testi (il contatto con l'Autore riguarda comunque solo uno dei circa venti lettori-selezionatori del Trofeo RiLL).

È importante sottolineare che il Regolamento stabilisce in modo molto chiaro (al punto 9) la lunghezza massima ammessa per i racconti partecipanti al Trofeo RiLL. Quindi, se ci arriva un racconto "fuori misura" e ci accorgiamo della sua eccessiva lunghezza dopo l'inizio della fase di lettura e selezione, il racconto in oggetto sarà squalificato (per semplicità gestionale).

48) Nel calcolare la lunghezza dei racconti, come devono essere considerati i puntini di sospensione? E poi: come vanno conteggiati i caratteri usati per il titolo e quelli usati per numerare i capitoli (se presenti) del racconto?

I caratteri vanno conteggiati esattamente come fa Microsoft Word:
- i puntini di sospensione (…) sono conteggiati come una sola battuta;
- i caratteri usati per il titolo e quelli usati per numerare i capitoli del racconto sono conteggiati "per intero" (cioè battuta per battuta).

È comunque da sottolineare che la differenza di lunghezza connessa a questi aspetti è assolutamente marginale e per questo non può portare alla squalifica di un racconto partecipante al Trofeo RiLL.

49) I partecipanti al Trofeo RiLL sono invitati a compilare on line un modulo di registrazione. Perché?

Questa scelta deriva dalla necessità, per noi, di snellire i tempi di gestione del database degli Autori che partecipano ogni anno (e che sono, per di più, soci dell'associazione).
Sino all’undicesima edizione, i dati personali dei partecipanti (nome, cognome, indirizzo, telefono, e-mail…) venivano, una volta scelti i finalisti e aperte le buste chiuse con le generalità degli Autori, riportati (a mano) su file, per essere poi archiviati.
Con la crescita del numero di Autori iscritti (in media oltre 200 all'anno, dal 2004) tale procedura è divenuta troppo lunga per il tempo a nostra disposizione (il Trofeo RiLL è pur sempre "solo" un hobby).
Di qui la decisione di creare un modulo di registrazione da compilare on line.

La creazione di un database on line ha inoltre permesso di ottimizzare le spedizioni dell'antologia-omaggio ai partecipanti, riducendo la possibilità di disguidi postali (vedi Domanda 78), e di realizzare una newsletter rivolta ai soli autori registrati (Registrati_TrofeoRiLL), con cui RiLL aggiorna periodicamente sullo svolgimento del concorso (vedi Domanda 66).

50) La registrazione on line è strettamente necessaria per partecipare? Come funziona?

La registrazione on line non è obbligatoria.
È però una procedura consigliata, e invitiamo tutti i partecipanti a registrarsi on line, semplificando il nostro lavoro organizzativo. Tra l’altro, il modulo di registrazione approntato è davvero molto semplice da compilare, richiedendo quindi pochi minuti a ciascun partecipante.

Sottolineiamo che la registrazione va fatta una sola volta a edizione (e questo anche se si partecipa con più racconti e anche se si inviano racconti in momenti diversi).
Nel modulo vanno indicati sempre i dati anagrafici dell'Autore-partecipante, anche se questi, in caso di pubblicazione, sceglierà di usare uno pseudonimo/ nome d'arte (vedi Domanda 73).
Nel caso di racconti scritti da più autori, infine, nel modulo vanno inseriti i dati di uno solo degli Autori (preferibilmente lo stesso che diventa socio dell'associazione), al quale RiLL invierà le informazioni sullo svolgimento del concorso (vedi Domanda 66) e la copia omaggio dell'antologia Mondi Incantati (vedi Domanda 78).

Ci rendiamo comunque conto che per Autori che non hanno familiarità o accesso a Internet la registrazione può risultare difficoltosa, e per questo non è obbligatoria.

51) Ma la registrazione on line non è in contrasto con l’anonimato dei lavori?

No.
Nei dati da inserire on line non sono indicati i titoli dei racconti inviati, ma solo il numero. Inoltre, il momento di arrivo del materiale cartaceo al nostro indirizzo e quello di compilazione del modulo on line non coincidono, tipicamente (se non altro perché le Poste hanno bisogno di qualche giorno per recapitare i plichi…). Questo crea una discrasia sufficiente a “tutelare” l’anonimato richiesto.
Infine, i racconti tendono sempre ad arrivare a blocchi, e questo riduce ulteriormente la possibilità di collegare testi e Autori.

 

RACCONTI: ORIGINALI E INEDITI… OVVERO?

52) Cosa si intende nel Regolamento per “racconto originale”?

Un racconto scritto dall’Autore partecipante, da lui concepito e sviluppato autonomamente.
In termini più immediati: un racconto originale è un racconto non copiato, frutto della creatività del suo Autore.

53) Possono partecipare racconti che appartengono ad ambientazioni già esistenti e ben note (ad esempio: la Terra di Mezzo, la saga di Dragon Lance, di Shannara o delle Cronache del ghiaccio e del fuoco…) o che si ispirino a opere di autori conosciuti (ad esempio: Lovecraft e il suo pantheon di divinità orrorifiche, Shakespeare e il suo teatro)?

Sì.
“Citazioni” così evidenti non sono un problema.

54) Cosa si intende nel Regolamento per “racconto inedito”?

In generale, si intende un racconto che non è (stato) pubblicato né diffuso tramite i mezzi di comunicazione di massa.

Per essere più precisi: un dato racconto è da noi considerato edito e quindi non può partecipare al Trofeo RiLL
- se è stato già pubblicato (in formato cartaceo) su una o più riviste/ quotidiani, o su libri/ antologie;
- se è stato già pubblicato su e-book o webzine;
- se è stato già pubblicato in rete (su forum, blog, siti internet, senza distinzione fra spazi web amatoriali o professionali, letterari o non letterari) ed è ancora on line (cioè leggibile) al momento della partecipazione al Trofeo RiLL.

Stesso discorso, ovviamente, se il racconto viene pubblicato o fatto circolare in queste forme dal momento in cui viene a noi spedito a quello in cui noi annunciamo sul sito i titoli dei racconti finalisti.
(tale comunicazione viene data in estate, a luglio; vedi Domanda 66)

Non può partecipare al Trofeo RiLL, inoltre, un racconto che sia un estratto (un episodio, il prologo, un capitolo…) di un’opera più lunga (es. un romanzo), che sia già edita nel senso sopra esposto (vd. anche Domanda 4).

Specificazione importante:
Rispetto alla circolazione dei testi via internet, il principio di fondo è che la diffusione in ambienti “chiusi” (es. una mailing list o ogni spazio web il cui accesso/ visualizzazione sia limitato ad iscritti/ partecipanti/ affiliati...) non è un problema ai fini della partecipazione al concorso. Invece, la pubblicazione in ambiti “aperti” (siti, forum, blog) rende il testo edito (on line, ma comunque edito), precludendo la possibilità di partecipare.
È importante sottolineare però che quel che conta è l’inediticità (su internet) nel periodo di partecipazione al concorso: quindi, se un racconto è stato in passato pubblicato su uno spazio web “aperto”, ma viene tolto da tale spazio dall’Autore (o comunque non è più on line nel suddetto periodo), allora può partecipare al Trofeo RiLL.
Infine: visto che e-book e webzine restano on line, necessariamente, nella loro interezza, i racconti su essi pubblicati non possono partecipare al Trofeo RiLL.

55) E se la pubblicazione o diffusione del racconto è avvenuta in lingua non Italiana o comunque all'estero?

Tutte le specificazioni al concetto di "inedito" presenti nella precedente domanda valgono anche se il racconto ha circolato in lingua non Italiana (su riviste/ webzine/ e-book/ siti/  blog italiani o stranieri) o in lingua Italiana, ma su riviste/ webzine/ e-book/ siti/ blog stranieri.

56) Inediticità e altri concorsi letterari: è possibile partecipare al Trofeo RiLL con uno (o più) racconti con cui si sta contemporaneamente partecipando ad uno (o più) altri premi?

Sì.
È possibile partecipare al Trofeo RiLL e, contemporaneamente, con lo stesso materiale (uno o più racconti), ad altri premi letterari, purchè tale materiale resti inedito (nel senso sopra definito, vedi Domande 54 e 55) sino alla pubblicazione dell'antologia di racconti premiati nel Trofeo RiLL (pubblicazione che avviene, di norma, ogni novembre).

57) Inediticità e altri concorsi letterari (2): è possibile partecipare al Trofeo RiLL con uno (o più) racconti con cui si è già partecipato ad uno (o più) altri premi (ormai conclusi)?

, purchè questo materiale non sia stato pubblicato nell'ambito di questi concorsi, su siti, riviste, libri ecc. (vedi sopra, Domande 54 e 55).
Nessun problema anche se il racconto è giunto in finale, ricevendo un premio o ottenendo una segnalazione di merito (quel che conta è la diffusione del lavoro, non la citazione del suo titolo e/o l'inserimento del suo Autore in un "albo d'oro").

58) Perchè non viene richiesta a ogni Autore una dichiarazione di inediticità del materiale che ha inviato?

Perchè la riteniamo non necessaria: la parola di ogni Autore fa fede sino a prova contraria.
Inoltre, il punto 2 del Regolamento chiarisce che il Trofeo RiLL è un concorso per racconti inediti, e questo è sufficiente per permetterci di squalificare racconti che non lo fossero.

Ovviamente, in fase di selezione, viene effettuata un controllo su questo punto. D'altronde, il numero di testate e siti che pubblicano materiale letterario è incredibilmente grande, quindi è per noi impossibile verificare con assoluta precisione l'effettiva inediticità del materiale che riceviamo. Perciò riteniamo che le migliori forme di controllo restino sempre la parola degli Autori e l'interesse con cui tanti ci seguono.

Va comunque sottolineato che la nostra esperienza ci rassicura ampiamente sull'onestà degli Autori... e la pubblicazione in questa pagina di una (ci pare) approfondita specificazione del "nostro" concetto di inedito ci ha permesso di minimizzare la possibilità di disguidi o equivoci, sempre legati - in passato - a un'incompleta informazione dei singoli Autori sul Trofeo RiLL.

 

L’ORGANIZZAZIONE DEL TROFEO: SELEZIONE, PARAMETRI, TEMPI…

59) In quale modo viene fatta la selezione e quindi scelta la rosa dei finalisti?

Tutti i racconti partecipanti vengono letti (in forma anonima, cioè senza conoscere il nome degli Autori) e valutati dai lettori-selezionatori del Trofeo RiLL, a partire dal marzo di ogni anno. Si tratta di un gruppo volutamente molto ampio di persone (nel 2016 erano 21), in modo da assicurare la selezione più accurata e attenta possibile.
I racconti finalisti (10, di solito) vengono scelti a luglio dai lettori-selezionatori, e sono poi sottoposti al vaglio della Giuria Nazionale.

60) Quali sono i parametri usati per valutare i racconti?

Gli elementi fondamentali cui si fa riferimento sono la qualità della scrittura e l’originalità della trama.
Ogni lettore si attiene a questi due fattori, restando libero di dare ad essi un peso diverso al momento di esprimere il proprio voto. Questo è naturale e ovvio: nei concorsi letterari, pensiamo, il giudizio non è mai del tutto oggettivo, ma rispecchia sempre in qualche misura i gusti e le preferenze personali.

61) RiLL stila e rende disponibile una scheda di commenti e osservazioni su ogni racconto pervenuto?

No.
Redigere un giudizio scritto e motivato per ogni opera partecipante renderebbe il nostro lavoro molto più oneroso e, probabilmente, meno accurato, vista anche la mole di racconti che sta partecipando negli ultimi anni (in media 250 racconti a edizione, dal 2004) e la tempistica del concorso stesso (la lettura e selezione viene fatta fra marzo e luglio).

62) Qual è il numero dei finalisti?

Non c’è un numero fisso predeterminato.
Tutto dipende dalla qualità del materiale arrivato.
Storicamente, comunque, il numero dei finalisti di ogni edizione è 10.

63) Una volta arrivato in finale, posso raccontarlo in giro?

Tutti i finalisti del Trofeo RiLL sono tenuti a non rivelare in ambienti pubblici quali in particolare (ma non solo) quelli della Rete (forum, mailing list, Facebook, blog, siti personali ecc.) il titolo del racconto con cui sono in finale, ed il fatto stesso di essere in finale.

I racconti infatti arrivano alla Giuria Nazionale in forma anonima, e tali devono restare: è un punto fondamentale, cui non si può derogare (riguardo all'importanza dell'anonimato dei racconti, vedi Domanda 27). Perciò non si possono fare circolare notizie di questo tipo... se non dopo che la Giuria abbia concluso il proprio lavoro e che i risultati del concorso siano stati resi pubblici da RiLL (fine settembre/ metà di ottobre di ogni anno).

64) Tutti i finalisti vengono premiati e pubblicati?

La Giuria Nazionale del Trofeo RiLL sceglie, fra i racconti finalisti, i 4-5 testi che saranno premiati e pubblicati nell'annuale antologia cartacea del concorso (collana Mondi Incantati, vedi Domande 68 e 69).
Gli altri racconti finalisti ricevono invece una Menzione di Merito, che li pone comunque al di sopra della "massa" dei non finalisti.

Inoltre, dal 2011, RiLL realizza gli e-book della collana Aspettando Mondi Incantati, che propongono ogni anno tutti i racconti finalisti del Trofeo RiLL (cioè sia quelli che saranno poi inseriti nell'antologia Mondi Incantati sia quelli che ricevono la Menzione di Merito). Tali e-book sono disponibili sul Kindle Store di Amazon.

65) Sono previsti Premi Speciali per particolari categorie di Autori (ad esempio, sotto i 18 anni)?

In generale, no.
Comunque, sentito anche il parere della Giuria Nazionale, RiLL si riserva di assegnare Premi Speciali, con motivazioni e finalità stabilite di volta in volta.

66) In quale periodo RiLL contatta gli Autori per comunicare cosa è stato dei loro racconti?

Il Trofeo RiLL inizia ogni anno in autunno (novembre), e si conclude in primavera. Segue la fase di lettura dei racconti partecipanti, per selezionare la rosa dei finalisti.

A partire da marzo, RiLL comunica con gli Autori partecipanti (e registrati al Trofeo, vedi Domanda 49) con una newsletter ad hoc (Registrati_TrofeoRiLL), che aggiorna periodicamente gli Autori sullo svolgimento del concorso.
A metà luglio gli Autori finalisti sono contattati da RiLL.
Sempre a luglio, viene resa pubblica la rosa dei finalisti (o meglio: l'elenco dei titoli, non i nomi dei rispettivi autori), sul sito di RiLL e su RiLLinfo, la nostra newsletter associativa, oltre che su Registrati_TrofeoRiLL.
Entro metà settembre, la Giuria Nazionale valuta i racconti finalisti, leggendoli in forma anonima e decidendo i risultati del concorso.
Tra fine settembre e metà ottobre, infine, RiLL annuncia (sul sito e su RiLLinfo) i risultati del concorso (e i nomi degli autori premiati).
Entro ottobre, RiLL scrive (per lettera o via e-mail a Registrati_TrofeoRiLL) a tutti gli Autori partecipanti, comunicando i risultati del premio e invitando tutti alla cerimonia di premiazione (che, da sempre, si svolge a Lucca, durante il festival internazionale Lucca Comics & Games, nell’ultimo week-end di ottobre o nel primo week-end di novembre).

Le comunicazioni sul sito di RiLL e sulle newsletter (a luglio) o, al più tardi, quelle di ottobre consentono a ciascun Autore di riprendere a diffondere/ pubblicare il proprio lavoro (vedi punto 11 del Regolamento).

Per essere informati sull’andamento del concorso, ovviamente, i partecipanti possono sempre scriverci.

67) Tutti i racconti che partecipano ma non arrivano in finale che fine fanno?

Una volta resa nota la rosa dei racconti finalisti o ricevuta la comunicazione da RiLL sui risultati del concorso, i racconti non finalisti sono di nuovo pienamente disponibili per i loro Autori, che possono quindi diffonderli o farli pubblicare.

RiLL mantiene un archivio "storico" dei file dei racconti partecipanti (se gli Autori li hanno caricati sul nostro sito, vedi Domanda 35). Per il resto, la notevole quantità di carta che riceviamo viene distrutta al termine di ogni edizione del concorso (sarebbe impossibile tenere un archivio "fisico").

 

INFORMAZIONI SULLA PUBBLICAZIONE DEI RACCONTI PREMIATI

68) I migliori racconti di ogni edizione del Trofeo RiLL vengono pubblicati nell'annuale antologia "Mondi Incantati". Di cosa si tratta?

Ogni anno, sin dalla prima edizione del Trofeo RiLL, abbiamo presentato (e venduto, presso il nostro stand) a Lucca Comics & Games una raccolta dei racconti premiati: Mondi Incantati.

Sino al 2002 si trattava di una pubblicazione autoprodotta, realizzata in fotocopie a spese di RiLL (non abbiamo MAI chiesto contributi agli Autori, nè imposto loro di comprare stock di copie!).

Dal 2003 Mondi Incantati è diventata una vera collana editoriale, a cadenza annuale, curata da RiLL e realizzata in collaborazione con editori professionisti (Novecento GeC, nel 2003, la Nexus Editrice, dal 2004 al 2010, e la Wild Boar Edizioni, dal 2011).
Ad oggi, sono stati pubblicati quattordici volumi.
(disponibili su questo sito, su Amazon e sul Delos Store)

Tutte le antologie della collana Mondi Incantati sono patrocinate dal festival internazionale Lucca Comics & Games, la più importante manifestazione italiana dedicata all'immaginario fantastico.
E nessun contributo, ripetiamolo, viene chiesto agli Autori pubblicati (nè viene imposto loro di comprare alcuno stock di copie).

69) Cosa propone ogni uscita della collana "Mondi Incantati"?

Ogni Mondi Incantati ospita i racconti premiati al Trofeo RiLL e negli altri concorsi banditi da RiLL (es. SFIDA, vedi Domanda 77).

Inoltre, dal 2003 al 2012, nelle nostre antologie annuali sono stati pubblicati anche racconti di giornalisti e scrittori giurati del Trofeo RiLL (Donato Altomare, Andrea Angiolino, Mariangela Cerrino, Franco Cuomo, Renato Genovese, Giulio Leoni, Gordiano Lupi, Massimo Mongai e Sergio Valzania).

Dal 2013 RiLL ha avviato il progetto RiLL Europe: una serie di gemellaggi fra il Trofeo RiLL e altri premi letterari europei dedicati al fantastico. Da allora, il Mondi Incantati annuale ha una sezione speciale, con i racconti vincitori di questi concorsi (Premio Nova, Finlandia; Prix Masterton, Francia; Aeon Award Contest, Irlanda; James White Award, Regno Unito; premio Domingo Santos e premio Visiones, Spagna), tradotti in Italiano a cura di RiLL.
L’interesse ottenuto da questa iniziativa ci ha spinto ad allargarne la portata, e dal 2015 RiLL Europe è diventato RiLL World Tour, portando così sulle pagine di Mondi Incantati i racconti vincitori del Nova Short-Story Competition (Sud Africa) e della Short-Story/ Flash Fiction Competition dell’Australian Horror Writers Association (Australia).

La più recente antologia della serie Mondi Incantati è TUTTO INIZIA DA O e altri racconti dal Trofeo RiLL e dintorni (ed. Wild Boar, 2016), che prende il nome dal racconto vincitore del XXII Trofeo RiLL, e che sarà inviata in omaggio a tutti i partecipanti al XXIII Trofeo RiLL.
Il volume è disponibile su questo sito, su Amazon e sul Delos Store.

70) Il Trofeo RiLL offre ad alcuni racconti anche la possibilità di essere pubblicati all'estero. Dove e con quali costi per gli Autori?

I gemellaggi fra il Trofeo RiLL e altri premi letterari europei dedicati al fantastico (vedi Domanda 69) ci permettono di proporre a lettori non italiani i racconti del Trofeo RiLL.
In particolare, il racconto primo classificato del Trofeo RiLL viene pubblicato su Albedo One (rivista irlandese di letteratura fantastica, già vincitrice dell'European Science Fiction Award come miglior rivista europea del settore) e su Visiones, l’antologia annuale dell’AEFCFT (Asociación Española de Fantasía, Ciencia Ficción y Terror), il più importante club spagnolo che si occupa di fantastico.


Sottolineiamo che non c'è alcun costo per gli autori dei racconti pubblicati all'estero: la traduzione del testo italiano in Inglese è a cura (e a spese) di RiLL, mentre della traduzione in Spagnolo si occupa direttamente l'AEFCFT.

71) Il Trofeo RiLL offre ad alcuni racconti anche la possibilità di essere ospitati su riviste italiane. Quali?

Coerentemente con la storia del Trofeo RiLL, svariate riviste ludiche e/o letterarie hanno negli anni collaborato al concorso e pubblicato i racconti premiati (fra le altre: Alter Ego, KAOS/ PowerKAOS, La Vallisa, Prospektiva, Strane Storie).

Attualmente, i racconti classificati nelle prime quattro posizioni vengono proposti anche ai lettori della webzine trimestrale Anonima Gidierre (la più longeva rivista italiana che si occupa di giochi di ruolo, da tavolo etc., essendo attiva dal 1994).
Inoltre, le edizioni Il Foglio si riservano di scegliere fra i testi finalisti uno o più racconti da pubblicare.

La pubblicazione sulle riviste citate nel bando è gratuita (non c'è alcun costo per gli autori dei racconti pubblicati). Ed è così da sempre (cioè sin dalla prima edizione del Trofeo RiLL, per tutte le riviste che, negli anni, hanno pubblicato "nostri" racconti).

72) Una volta che il mio racconto è stato pubblicato su "Mondi Incantati" posso disporne liberamente?

Come detto (vedi Domanda 5), ogni Autore pubblicato resta sempre proprietario del suo racconto (o dei suoi racconti). RiLL però chiede agli Autori i cui racconti vengono pubblicati su un'antologia della serie Mondi Incantati di non diffondere su altri libri, riviste o internet tale materiale, per un anno dal giorno di presentazione del volume. Questo per evitare di rendere meno "appetibile" per il pubblico dei lettori le nostre antologie.
Sono ovviamente escluse da questo discorso le pubblicazioni di racconti su testate collaboranti al concorso (vedi Domande 70 e 71).

73) Posso utilizzare uno pseudonimo in caso di pubblicazione di un mio racconto su Mondi Incantati?
 
Assolutamente sì.
Lo pseudonimo può essere indicato al momento dell'invio del racconto (es. nella busta chiusa, in aggiunta alle generalità anagrafiche; vedi Domanda 34) oppure comunicato successivamente (sino al momento dell'andata in stampa dell'antologia, ovviamente).
Lo stesso vale per gli pseudonimi collettivi, nel caso di racconti scritti da più autori.

È importante sottolineare che - sia nella busta chiusa allegata ai racconti, sia nella richiesta di iscrizione all'associazione RiLL Riflessi di Luce Lunare, sia compilando il modulo di registrazione on line - ogni Autore deve indicare i propri dati anagrafici (non lo pseudonimo che userà in caso di pubblicazione): le informazioni raccolte in questi casi (cioè per registrare un Autore come socio e per spedirgli la copia omaggio dell'antologia Mondi Incantati) sono di carattere amministrativo-segretariale, non artistico.
RiLL si impegna, ovviamente, a non svelare/ diffondere le identità degli Autori che scelgono di essere pubblicati con pseudonimo.

 

ALTRO

74) Perché nell’albo d’oro del Trofeo RiLL alcuni nomi si ripetono?

Perché molti Autori tendono a ripartecipare.
Non abbiamo dati relativi ad altri premi letterari, ma al Trofeo RiLL il tasso di ripartecipazione (numero di Autori partecipanti all’edizione N che ripartecipano l’anno dopo, N+1) è compreso fra il 25 e il 30%.
Se poi chi ripartecipa è pure bravo (e capita), ecco spiegato perché alcune persone hanno vinto o ottenuto piazzamenti importanti più di una volta nel nostro concorso.

Importante: Dal XXII Trofeo RiLL sono state introdotte alcune limitazioni alla ri-partecipazione di alcuni Autori che più spesso sono stati premiati e pubblicati; per maggiori dettagli, vedi Domanda 39.

75) Chi sono i membri della Giuria Nazionale?

Rimandiamo a un’altra pagina di questo sito per la lista completa dei giurati della passata edizione.

In generale, possiamo dire che la Giuria ricalca la storia del Trofeo RiLL: un concorso che nasce in ambito ludico (giochi di ruolo), ma che poi si sposta in quello letterario, senza però “rinnegare” le proprie origini. Quindi, accanto a scrittori, giornalisti, editor, accademici, abbiamo come giurati anche personalità del mondo ludico (autori di giochi, editori, giornalisti…), in un mix che ci sembra stimolante e fecondo: l’immaginario ludico e quello letterario sono molto vicini nell'ambito del Fantastico, e il fatto di accostarli ci pare un punto di forza del nostro premio.

Per inciso, ricordiamo che la Giuria del Trofeo RiLL legge e valuta i racconti finalisti senza conoscere i nomi degli autori, esattamente come il gruppo dei lettori che ha selezionato i finalisti (vedi Domanda 27).
Proprio per tutelare tale anonimato mentre la Giuria sta lavorando, RiLL ogni estate annuncia solo i titoli dei racconti finalisti (non i nomi dei loro autori, che sono resi noti solo dopo che la Giuria ha terminato le proprie votazioni).

76) Cos'era il "voto popolare"?

Dal 2002 al 2006 abbiamo messo on line fra luglio e settembre (in forma anonima) i racconti finalisti dell'edizione in corso, lasciando a tutti i naviganti la possibilità di leggerli e valutarli.

Il "voto popolare" nasceva come servizio in più, in risposta alle richieste dei tanti appassionati desiderosi di leggere l'intera nostra rosa finalista, non solo i racconti premiati pubblicati nell'antologia di fine annata.
Al racconto preferito della "giuria popolare" (cioè dei lettori del sito di RiLL) andava una speciale Menzione di Merito.
È importante sottolineare che il "voto popolare" è sempre stato indipendente da quello della Giuria Nazionale, che non ha influenzato in alcun modo: a decidere i risultati di ogni edizione del Trofeo RiLL sono, esclusivamente, i nostri giurati (vedi Domanda 75). La Menzione di Merito del "voto popolare" aveva quindi valore meramente simbolico (non dava diritto a premi in denaro nè alla pubblicazione sulle antologie legate al concorso).

Dal 2011, con la nascita della collana di e-book Aspettando Mondi Incantati, abbiamo trovato un nuovo modo per soddisfare la curiosità dei tanti appassionati che ci seguono, e che vogliono leggere tutti i racconti finalisti del Trofeo RiLL di ogni anno (vedi Domanda 64 per maggiori dettagli sulla collana AMI).

77) Cosa è SFIDA?

È un'iniziativa realizzata annualmente da RiLL dal 2006, per rendere più stretto il legame con gli autori giunti in finale almeno una volta al Trofeo RiLL.
La sfida è sempre la stessa: scrivere un racconto fantastico originale partendo da un input esterno, stabilito da RiLL.

Nel 2006 e 2007 si trattava di un insieme di personaggi, ognuno creato da nostri giurati, e fra cui gli ex finalisti potevano scegliere.
Dal 2008 al 2012, invece, la scelta ha riguardato tre "elementi narrativi" da un set di cinque (una frase, una parola, un oggetto, un luogo e un personaggio), sempre proposto da RiLL.
Nel 2013 il concorso è stato tematico: ogni autore era libero di sviluppare la storia a proprio piacere, purché avesse "la conquista" come tema e titolo.
Nel 2014 abbiamo chiesto agli autori di mischiare nelle proprie storie prosa e poesia: il vincolo consisteva nello scrivere un racconto fantastico che avesse al suo interno un sonetto.
Nel 2015 tutti i racconti partecipanti dovevano ruotare intorno allo stesso evento-chiave, definito volutamente in modo ambiguo e intrepretabile: una perfetta esecuzione.
Nel 2016, infine, abbiamo scelto di omaggiare il festival di Lucca (che da sempre supporta e ospita il Trofeo RiLL), che festeggiava i cinquant'anni dalla sua prima edizione. Ed essendo GOLD il tema del festival 2016, per SFIDA abbiamo scelto come tema RE MIDA: in ogni racconto doveva esserci qualcosa (o qualcuno) che trasformava in oro quel che toccava...

SFIDA è un'iniziativa che ha avuto decisamente successo, e i migliori lavori di ogni edizione di questo concorso sono stati inseriti in tutte le antologie della collana Mondi Incantati pubblicate dal 2006 in avanti.

78) Ogni partecipante al Trofeo RiLL riceve in omaggio una copia della più recente antologia legata al concorso. Ma quali sono i tempi di spedizione di questo materiale?

Le spedizioni sono fatte da RiLL (non dall'editore dell'antologia spedita).
L'elenco degli indirizzi dei destinatari è ottenuto incrociando i dati registrati on line con quelli indicati nelle buste chiuse con le generalità degli Autori.
I partecipanti devono aspettarsi di ricevere la propria copia omaggio a fine luglio, dati gli altri impegni della segreteria del concorso.
A settembre, poi, RiLL contatta tutti i partecipanti, per rilevare eventuali mancati recapiti. In questi casi, RiLL ri-spedisce le copie agli Autori che non le avessero ricevute (o che le avessero ricevute difettate o danneggiate).